Edificio industriale Schumo

Edificio industriale Schumo

Costo di investimento per conto terzi (CHF) 3 Mln
Year 2006

Info Edificio industriale Schumo

Progettazione, Permessi, Nuova costruzione

Industriestrasse 63, 6312 Steinhausen (Svizzera)

La fabbrica Schumo si trova nel Comune svizzero di Steinhausen nel Canton Zugo. L’edificio viene progettato da Raffaello Molina in qualità di capo progetto presso lo studio paterno di architettura e pianificazione Molina e Associati di Bellinzona. Durante la fase di progettazione sono state recepite tutte le necessità costruttive dell’immobile indicate dai dirigenti della Schumo, azienda leader mondiale nella produzione di colonne meccaniche e telescopiche, già attiva in Italia e Francia.

L’edificio si compone di un unico corpo di fabbrica edificato in calcestruzzo armato rivestito con pannelli ventilati in lastre eternit di colore antracite chiaro, tono utilizzato anche per i serramenti e gli infissi. L’attenta campionatura dei toni ha permesso di creare un edificio dall’aspetto estetico raffinato, nonostante la destinazione industriale. L’interno dell’edificio si caratterizza di tre livelli fuori terra: il piano terreno riservato ai magazzini e il primo piano composto dai laboratori e dagli uffici amministrativi. Al terzo e ultimo livello trovano spazio tre appartamenti di piccolo taglio, destinati ai dirigenti aziendali. La fabbrica Schumo si presenta con ampie vetrate su tutti i prospetti, che favoriscono l’apporto di luce naturale all’interno degli spazi lavorativi. La diffusione della luce viene sostenuta all’interno anche dall’utilizzo di tinteggiature e rivestimenti monocromatici campionati in scala di bianco, comprese le pavimentazioni industriali, rifinite con resine speciali lucide.

Data la vicinanza con il lago di Zugo e la presenza in loco di una zona fluviale, il terreno dell’area di Steinhausen si presenta particolarmente sabbioso e con la presenza diffusa di falde acquifere situate poco al di sotto del livello di calpestio. In fase di progettazione Raffaello Molina e il suo team di progettazione hanno elaborato un progetto specifico di rafforzamento delle fondamenta dell’edificio, brevettando la messa in opera di un sistema di micro pali in calcestruzzo, in alternativa ai classici plinti di fondazione, particolarmente onerosi.